martedì, agosto 18, 2009

Dark Sun

L'ambientazione di Dark Sun era una delle più originali tra quelle partorite per la gloriosa 2a edizione di D&D -meglio nota con il nome di Advanced D&D- ed è una di quelle che non hanno beneficiato di una conversione nella terza edizione.

La 3a edizione di D&D è l'edizione che ha più contribuito all'accrescimento, all'arricchimento e alla diffusione delle ambientazioni storiche create per l'advanced. Ma solo poche ambientazioni storiche hanno beneficiato di questa "rivitalizzazione". Forgotten Realms ad esempio è stata ampiamente supportata, con moltissimi manuali d'ambientazione che 25edition ha poi tradotto in gran parte in italiano. Non si era mai vista una cosa del genere: avere una decina e passa di manuali riguardanti un'ambientazione era qualcosa di spettacolare. C'era un modulo geografico per ogni zona dei reami, e anche manuali dedicati ai nemici, agli eroi, alla magia, alle divinità. Forgotten Realms è diventata così un'ambientazione viva e pulsante, della quale era possibile sapere ogni dettaglio, nel caso in cui il DM avesse voluto conoscerlo.

Ma -almeno questa è la spiegazione ufficiale per la nuova linea di condotta editoriale- questi manuali vendevano pochissimo. Per questo la 4a edizione ha deciso di affrontare così le ambientazioni: tre manuali per ognuna. Uno di ambientazione, una guida del giocatore e un'avventura. Fine. Si ritorna alla semplicità e alla schematicità della seconda edizione. Se si apre il manuale di FR 4a edizione si scopre che, ad esempio, alla Grande Foresta è dedicato un paragrafo di dieci righe, laddove il manuale della 3a dedicava una pagina, senza contare poi il modulo geografico nel quale era descritta nei dettagli (Marche d'Argento, mi pare, che le dedicava diverse pagine). La sensazione, per chi passava dai manuali della 2a edizione a quelli della 3a e poi alla 4a edizione, era come di "decompressione". Il manuale della 3a edizione ampliava spaventosamente l'ambientazione della 2a edizione, poi quello della 4a lo ricomprimeva all'essenziale.

Questa sensazione non si avrà con Dark Sun, che la 3a edizione non ha convertito. Passerà direttamente dalla 2a edizione alla 4a, e anzi il materiale della 4a potrebbe essere molto più generoso di quello che si riesce a trovare attualmente dell'advanced. Rivedremo le mantidi umanoidi come razza giocante? Gli psionici saranno l'unica fonte di magia rimasta nel mondo decadente nel quale sono ambientate le avventure di Dark Sun? La combinazione di fantasy e post-apocalittico si adatterà alle regole simil-videoludiche della 4a edizione, o sarà solo un altro sfondo per muovere miniature su un tavolo? Quello che so e che attenderò il 2010 con maggiore ansia di quanta ne ho per l'imminente uscita di Eberron, visto che difficilmente il manuale 4a edizione di Eberron sarà al livello del suo predecessore 3a edizione, mentre dal manuale di Dark Sun mi aspetto grandi cose. Non ho mai giocato Dark Sun, ma non vedo l'ora di cominciare!
Posta un commento