martedì, ottobre 16, 2007

Thesis - terza parte

Le classi sono state sempre qualcosa che ho guardato con sospetto. Se fosse per me, esisterebbero solo quattro o cinque classi, con moltissime opzioni per personalizzarle. Per questo motivo ho sempre pensato di adottare l'opzione delle classi generiche (presentata in Arcani Rivelati). Però Dungeons & Dragons non sarebbe più stato lo stesso. Oltretutto, la terza edizione ha introdotto le Classi di Prestigio, e anche eliminando le classi poi i personaggi potrebbero intraprendere migliaia di classi di prestigio diverse... e allora a che serve ridurre le classi base?
L'idea di base che mi porta a preferire poche classi è quella di poter costruire il proprio personaggio esattamente come lo si sogna, senza alcuna limitazione. La 3ed ha fatto passi da gigante rispetto alle edizioni precedenti, ma ancora presenta molti tratti che sono una evidente eredità del sistema di regole tradizionale. Una di queste eredità sono appunto le classi, e anche se un personaggio può intraprendere più classi, non può possedere una capacità precisa di una classe e un'altra di un'altra classe senza aver percorso entrambe quelle classi fino a raggiungere quelle capacità... e nel frattempo deve acquistare tutte le capacità presenti prima nella lista della classe, abilità che probabilmente non gli interessano. I game-designers si sentono autorizzati a sparpagliare lungo 20 livelli quattro o cinque speciali veramente appetibili, e poi a condire il resto dei livelli con altre capacità meno interessanti, delle specie di briciole che possono spingere il giocatore a proseguire in quella classe in attesa di raggiungere il livello dove acquisirà la capacità davvero interessante.
Preferirei che un giocatore potesse costruire la propria progressione, assegnando ai livelli di classe gli speciali che preferisce, selezionando quali tiri salvezza avere migliori, quali abilità di classe, se essere un discreto combattente o un'incantatore, che tipo di combattente e che tipo di incantatore.
Lavorando con questo obiettivo ho ampliato la proposta delle classi generiche di Arcani Rivelati, che sono passate a cinque: Guerriero, Ladro, Mago, Chierico, Psionico. Il giocatore seleziona quale TS avere migliore per ogni classe che intraprende, quali abilità sono di classe, e soprattutto seleziona come fossero dei talenti le capacità di classe che preferisce tra quelle esistenti di tutte le classi. Un Guerriero può prendere la capacità di Ira del barbaro al primo livello, il talento combattere con due armi al secondo e al terzo livello selezionare Musica bardica. Può inoltre scegliere intrattenere come abilità di classe, generando così un perfetto bardo combattente.

Una volta messo su carta il sistema delle razze e delle classi, ho iniziato a generare alcuni personaggi non giocanti di prova. In generale, i PNG generati con questo metodo sono meno carichi di capacità speciali rispetto ai PNG generati con le classi standard, ma le capacità che mancano loro sono perlopiù capacità minori (come il passo senza tracce del druido, o il rimuovi malattie del paladino), che è superfluo inserire come capacità da apprendere essendo esse assai meno appetibili di altre (l'ira barbarica, la musica bardica, l'attacco furtivo). I personaggi sono insomma meno "forti" ma più "versatili". Si potrebbe ovviare a questa differenza inserendo nei profili aumentando i talenti bonus e magari limitando la scelta alle capacità di classe, ma credo sia inutile e superfluo.
Posta un commento