lunedì, gennaio 22, 2007

Scaricare files senza fini di lucro

Questa è la notizia.

Questo non significa che non sia dannoso.

Ogni volta che si scarica materiale illegalmente non si contribuisce (nella nostra piccola parte) al successo (o meno) di un film, di una musica, di un artista. I nostri soldi sono, purtroppo, l'unica forma di supporto per un'opera di cui ai produttori, alle case discografiche, alla distribuzione e quindi di riflesso anche agli autori gliene freghi qualcosa. Possiamo inviare mail di congratulazioni, scrivere sui muri i loro nomi, parlarne in maniera entusiasta, mettere un post sul nostro blog. Ma in realtà, sono solo i soldi l'unica forma di apprezzamento che conta. Se un'opera non ha successo, non se ne fa un'altra. Se un artista non "tira", torna a suonare nei bar e nei club. Se una musica non fa vendere dischi, la carriera della band subisce un arresto.

Comprare un dvd che ci piace, una musica di un'artista che riteniamo davvero lo meriti, vale cento volte la nostra firma su una petizione in suo onore. Vuol dire veramente "ecco, meriti questi euro". Questo è consumo consapevole e responsabile. E significa anche sfuggire dalla meccanica delle pubblicità ingannevoli (che sono tutte).
Avete un dubbio se valga davvero la pena possedere quel dvd? Scaricatevelo. Vedetevelo. Se pensate che il dvd meriti l'acquisto, che dovrebbero fare altri film come quello, che quel regista merita di fare un altro film, che quell'attore è stato davvero bravo e volete vederlo ancora in un ruolo del genere, che vi siete divertiti... ebbene se volete farglielo sapere c'è un unico e solo modo: comprare quel dvd. Tutto il resto è fuffa.
Se pensate invece che quel film era una cavolata, nonostante il trailer così accattivante, nonostante il manifesto così invitante, nonostante ci fosse quell'attore così bravo, quel regista così promettente, quello sceneggiatore così intelligente... bene, NON comprate quel dvd. Se lo farete, avrete dato una conferma che il trailer è più importante del film, che il nome dell'attore vale più del risultato finale, che si possono pescare spettatori senza fare film decenti.

Questo è secondo me un uso corretto del p2p, della cosiddetta "pirateria".
Utilizzare un qualsiasi mezzo per non farsi prendere per i fondelli è legittimo e sacrosanto. Ed ora l'illegalità del gesto viene finalmente messa in discussione. Responsabilità, e fatene buon uso.
Posta un commento