giovedì, marzo 24, 2011

Dylan Dog me lo vedo in streaming

Ho letto la recensione del film di Dylan Dog scritta da Stefano Feltri per Il Fatto quotidiano. Devo premettere che non mi aspettavo, dal film, niente di diverso. Mi chiedo come mai, ma alla fine non riesco mai ad essere stupito, nel male, da certe produzioni. Ad esempio, non avrei mai scommesso un centesimo sul film di Kyashan. E non mi aspetto di certo un capolavoro se un decidono di fare il film de La Lega degli Straordinari Gentleman di Alan Moore. Diciamo che di default, mi aspetto delle cagate incommensurabili. Ben vengano quindi i risultati positivi (che siano o meno capolavori) come Watchmen, Il Cavaliere Oscuro, Kick-Ass.

Poiché un film è una "creatura" molto diversa da un fumetto, occorre sempre rimaneggiarlo. E il rimaneggiamento può essere affidato (capita spesso) a persone che dell'opera originale non hanno colto una mazza, o che per esigenze di produzione sono costrette a fare scelte più popolari e meno rispettose dello spirito della fonte originale. Insomma è più facile che un film tratto da un libro, o da un fumetto, sia più "povero" della sua fonte, anziché il contrario (e di questo tutti siamo consapevoli).

Insomma non mi aspettavo che Dylan Dog fosse un capolavoro di film, immaginavo, presagivo, mi aspettavo una mezza stronzata. Da vedere, una volta, per curiosità. Certamente non da premiare con l'acquisto di un dvd, e nemmeno con 7 euro al cinema. In fondo a questo serve la pirateria, a far capire a chi confeziona stronzate che non hai approvato quello che hanno fatto. Se vai al cinema e gli lasci 7 euro, cosa gliene frega ai produttori che il film ti ha fatto schifo? Tanto loro l'incasso l'hanno fatto lo stesso. Anzi, ne produrranno un altro, bissando e superando lo schifo nello schifo (ehi Daredevil ha fatto cagare, ma abbiamo riempito i cinema, lo facciamo Elektra?). Quando invece un film è bello, è giusto premiarlo con l'acquisto del dvd o del blue-ray o andando al cinema anche se l'hai visto scaricato. Perché allo stesso modo, chi ha prodotto il film se ne frega se a te il film è piaciuto, visto che il cinema è un industria e a fine mese tirano le somme dei soldi fatti. Se una cosa ti piace, occorre premiarla.

Quindi credo proprio che 'sto Dylan Dog me lo vedrò in streaming. E continuerò a leggere il fumetto. E se non l'avete fatto consiglio a tutti di leggere la recensione che citavo prima, la trovate qui.
Posta un commento