martedì, maggio 10, 2011

Drizzit 55

Credo che sia molto facile per Drizzit rivedere in Katy molti degli aspetti che facevano parte del suo popolo, quello che ha rinnegato e abbandonato per fuggire in superficie. In realtà Katy non è cattiva, semplicemente reincarna tutti gli aspetti "negativi" di un avventuriero: avidità, egoismo, ambizione, cinismo. In questo il mio personaggio si differenzia tantissimo dall'originale compagna di avventure di Drizzt Do'Urden, Catti-brie. Ma io preferisco Katy di gran lunga, con tutti i suoi difetti.

Striscia precedente; Striscia successivaLeggi Drizzit dall'inizio

7 commenti:

KUDUK ha detto...

Bigio, mi togli una curiosità, tu cosa ne pensi di Warhammer Fantasy GDR?

Bigio ha detto...

Ho giocato per un po' di tempo a Warhammer Fantasy, anni fa, dilapidando una fortuna in miniature e materiale prima di rendermi conto che le regole del gioco facevano pena e che le partite erano una palla paurosa. Il bello del gioco di miniature è prendersi cura delle miniature stesse, colorarle, schierarle... farci una foto. Adesso pitturo miniature per passione e non gioco più a Warhammer Fantasy.

Fatta questa doverosa premessa, ho letto e giocato la versione GdR di Warhammer per un breve periodo. Le regole sono orribili, per il semplice fatto che essendo un adattamento del gioco di miniature, si basano su meccanismi che in un GdR fanno ridere. Ad esempio parte delle caratteristiche sono d100, altre d10, altre hanno valori arbitrari... il tutto senza criterio ma solo perché è "sempre stato così". L'esiguo ammontare di punti vita rende letale qualsiasi scontro a qualsiasi livello, a meno di possedere i punti fato necessari per "salvarsi il culo" (il che soprattutto all'inizio rende i punti fato i equivalenti a delle vite-bonus per quando un PG crepa). Inoltre il tanto decantato sistema di classi, che prevede una vastissima scelta di opzioni, secondo me è sopravvalutato. La maggior parte delle classi sono adatte più a dei PNG che a dei PG (scrivano, agricoltore, mercante, allevatore, oratore...).

Comunque è proprio questa struttura a rendere il gioco interessante, perché il Narratore è costretto (per non dire obbligato) a scrivere avventure in cui i PG non sono che gente qualunque e dove i combattimenti non sono che un evento molto raro e molto pericoloso. E poi se l'ambientazione è di tuo gradimento, Warhammer Fantasy GdR ti permette di calartici dentro appieno. Alcuni miei amici adorano lo stile trucido del fantasy di Warhammer.

KUDUK ha detto...

Bene, siccome ti ritengo un valido DM, nonchè grande esperto di regolamenti, ti avviso che la tua recensione ha stroncato il mio entusiasmo. Ho appena finito di scrivere una maxi campagna per questo gioco e che dire, speriamo che ci piaccia. Non lo mai giocato, ma ero un pò stufo del d20 e volevo cambiare un pò. Conosco bene l'ambientazione mi piace l'idea di avere pg non molto potenti, spero che funzioni... ci scrivo pure il blog!!!!!!! NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO
ciao e grazie delle info!!!

Bigio ha detto...

Se vuoi un regolamento low-power prova Runequest II, si basa sul d100 e il manuale recentemente uscito (edito da Asterion) è di ottima fattura.

KUDUK ha detto...

cè l'ho già runequest, sia io che un mio amico (lo sta prepando lui),però per ora è poco supportato (ho anche l'ambientazione La ruota del fato). Adesso ci lanciamo con warhammer poi se riesco volevo provare sine requie!!! ciao e grazie, come sempre.

Daniele Marco Agnoli ha detto...

Sai cosa mi stupiscce di piu' di questa striscia? La presenza del seno di Katy! Si, insomma, andando avanti e' sempre assolutamente piatta, mentre qui si intravede un rigonfiamento! Dovrebbe esserne fiera! Oppure magari si tratta solo di una buffa piega del vestito...

Luigi Cecchi ha detto...

Il rigonfiamento è dovuto a una somma di fattori. Il primo è che Katy indossa sotto la maglietta una fascia di cuoio che le fa da "reggiseno" e che dona un minimo di spessore al suo torace (la si vede nelle scene in cui fa il bagno con gli altri). La seconda è che è chinata quindi il vestito un po' si accumula. Infine l'autore non era molto bravo a disegnare, quindi l'effetto ripiegamento faceva pena. Fidatevi: è piatta.