domenica, febbraio 05, 2012

Gli abiti nuovi dell'imperatrice

Attorno alla striscia 300 di Drizzit, dopo che avevo già rivisto lo stile con il quale alcuni degli altri personaggi erano disegnati (Wally e Baba Yaga) mi sono ritrovato a dover definire anche dei fantomatici "abiti da avventuriera" per Katy. Premessa: secondo me il personaggio di Katy, dal punto di vista grafico, è già perfetto così com'è. Indossa abiti semplici da disegnare, sufficientemente femminili (considerato che è poco formosa), e adeguati anche nei colori (il celeste degli abiti richiama quello degli occhi, e contrasta col giallo dei capelli). Tenendo conto che il mio web-comic è una striscia a fumetti, e quindi che nel 90% dei casi i personaggi appaiono fortemente ridotti oppure tagliati all'altezza della cintura, il mio parere è che il completo di Katy sia nato già con tutte le caratteristiche necessarie per continuare fino alla fine dei tempi senza che fosse necessario un cambio d'abito.

Allora perché cambia d'abito? Diciamo che mi serviva un pretesto, una specie di "argomento" di discussione. Le cose si evolveranno tra i personaggi, e in una striscia a fumetti è importante trovare nuovi spunti per i dialoghi, soprattutto se l'autore ha l'ambizione di curare un minimo la psicologia dei protagonisti, cosa che io mi impegno molto nel fare (indipendentemente dai risultati). Non so ancora se il cambio d'abiti sarà definitivo... non ho scritto la sceneggiatura fino a quel punto. Ma non importa.

Ho già ricevuto due importanti suggerimenti. Uno da parte di Amaniele che mi ha consigliato di aggiungere agli abiti di ogni personaggio una borsa da cintura. L'altro da parte di Omino che mi ha consigliato di considerare l'ipotesi di un poncho. Sul momento l'idea del poncho mi è sembrata malsana, ma dopo una decina di prove grafiche, accorciandolo, tagliandolo, calandolo sulle spalle, ho ottenuto una variante interessante della parte superiore del vestito, che vorrei mantenere. Altra cosa che era obbligatorio inserire (per esigenze di sceneggiatura) era una bandoliera per dardi. Ho provato a mettergliela di traverso sul torace, ma sembrava la fascia di un diplomatico! Allora l'ho spostata sulla gamba, e mi pare che così sia ok.


Alla fine, queste che vedete sono le tre opzioni che mi sembrano più valide (con licenza di prendere una cosa qua e una là, se è il caso). La prima versione è quella che varia di meno rispetto al completo attuale, anzi l'abito di fondo, celeste, è lo stesso. Le altre due si discostano maggiormente. Personalmente, non ho grande simpatia per i "gonnellini", li trovo molto fuori luogo in un contesto fantasy e credo che vengano inseriti nei fumetti del genere solo per aumentare il l'ammontare di superficie femminile scoperta. Ma per fortuna Drizzit non ha quel tipo di intenti, quindi il gonnellino del secondo disegno resta un'opzione valida. Anche se io preferisco la calzamaglia e gli stivali bassi della terza opzione.

Voi che dite? Beh se avete suggerimenti, non esitate.
Posta un commento