venerdì, febbraio 24, 2012

L'alternativa all'ultima ipercazzata treddì

Ultimamente ho scoperto l'utilità dell'iPad come strumento di riproduzione video addizionale. Cioè in pratica lo  piazzo vicino al mio Mac e mentre disegno mi sparo a raffica milleduecento puntate di seguito delle più svariate serie televisive. Così le mie mattinate di disegno sono meno produttive, ma anche molto meno monotone.

Siccome grazie all'espediente sopra citato ho scoperto alcune serie davvero interessanti, mi permetto di consigliarne qualcuna a coloro che passano di qui, nel caso in cui non le avessero ancora scoperte e volessero semplicemente ammazzare il tempo durante qualche lungo viaggio in treno.

Innanzitutto qualche mese fa mi sono sparato le dodici puntate della prima serie di Games of Thrones, tanto osannata (e pluripremiata), che non avevo ancora visto. Bella davvero, completamente incentrata sugli intrighi politici del mondo fantasy creato da George R. Martin. Ad aprile esce la seconda stagione, la attendo con ansia. La HBO (la stessa che produce True Blood) mi ha anche deliziato con Boardwalk Empire, una serie ambientata negli anni '20 e incentrata sui traffici illegali e sui legami con la politica del personaggio interpretato da Steve Bushemi. Una serie non certo leggera, ma sicuramente un piccolo capolavoro, e l'episodio pilota è diretto da Martin Scorsese.

Ma le più grosse sorprese mi sono giunte da parte della BBC che ha prodotto e realizzato Sherlock, una mini-serie in tre puntate sul personaggio di Conan-Doyle, aggiornato ai tempi moderni. Scritti e diretti in modo impeccabile, i tre episodi (che comunque durano ognuno un'ora e mezza), sono davvero geniali e meritano la visione. Dovrebbe essere uscita anche una seconda stagione ma non l'ho ancora vista. Mi sto vedendo anche tutte le puntate arretrate di Doctor Who (tranquilli, solo le nuove stagioni, non ho intenzione di spararmi 700 episodi!!!) e finora l'ho trovato delirante e divertentissimo. Voglio dire: un asteroide in bilico su un buco nero con Satana sepolto dentro? La regina Vittoria è un licantropo? Nell'anno cinque-miliardi-e-cinquantatré l'unica umana è ridotta a una tela di pelle? L'ho trovato geniale. Vi consiglio anche Misfits (la prima e la seconda stagione le ho viste tempo fa e rimasi deliziato, e adesso c'è la terza stagione da vedere), ovvero cosa succederebbe se dei ragazzi da riformatorio ottenessero dei super-poteri durante il loro periodo ai servizi sociali. Come le altre serie britanniche, anche questa è scritta con intelligenza (e si avvale anche di una colonna sonora pregevole).

Sono rimasto molto deluso invece da quasi tutte le super-produzioni americante annunciate con mega-campagne pubblicitarie dalle emittenti satellitari. The Walking Dead si lascia vedere, ma non ha nulla di speciale e certi episodi sono addirittura banali (sono sicuro che il fumetto è molto meglio). Terra Nova è stucchevole, buonista e avvincente quanto leggere un libro di Winnie The Pooh. C'era anche un'altra serie su un'invasione aliena, prodotta sempre da Spielberg... non sono riuscito nemmeno ad arrivare alla fine (e dire che erano sei puntate). Adesso ho fra le mani American Horror Story ed è la prossima che vedrò, promette bene ma comincio a diffidare delle produzioni americane.

Questo è quanto! Cercate di trovare una seconda vita per vedere quelle che vi ho consigliato, valgono sicuramente di più di un pomeriggio al cinema a guardare l'ultima ipercazzata in 3D!
Posta un commento