giovedì, aprile 14, 2011

Se avete coraggio esultate


Con amarezza scopro un blog in cui si esulta per la vittoria di Berlusconi sulla legge italiana, dopo l'approvazione della legge sul processo breve. La sinistra è definita "rosicona" (ma la sinistra in parlamento non c'è più, c'è solo il PD) perché vorrebbero trombare come fa Berlusconi e non possono. Ognuno è libero di esprimere le proprie opinioni, è un paese libero (o è quel che ne resta) ma a me certi commenti hanno strappato sorrisi a denti stretti... tranquilli probabilmente sono solo io che sono un deficiente. Mi sono sentito gravato da maschilismo, cinismo, becerezza, insensibilità, superficialità... una serie di cose spiacevoli che vorrei non appartenessero a questo mondo, figuriamoci a questa Italia.

Dopo l'approvazione della legge tronca-processi (quella che loro chiamano processo breve) molti cittadini italiani non avranno più giustizia. Molti altri, a dire la verità, perché sappiamo già che in Italia grazie a una alchemica combinazione di leggi che riducono i tempi di prescrizioni, amnistie, depenalizzazioni, leggi che permettono di spostare processi, ricusare i giudici, affarismo degli avvocati, burocrazia, assoluta mancanza di fondi e condizioni penose nelle quali magistrati e giudici sono costretti a lavorare, il risultato è che la stragrande maggioranza dei reati resta impunita (vedi l'analisi di Bruno Tinti nel suo libro Toghe Rotte).

Adesso alla già enorme quantità di persone e famiglie che non avranno mai giustizia, se ne aggiungeranno altri, altri italiani qualsiasi, che non possono che gridare disperati.
Mi sento davvero vicino ai famigliari dei morti della Tyssen, alle famiglie derubate dalla Parmalat, ai frodati dalla Cirio, agli aquilani ancora senza pace, ai parenti dei poveri pazienti della Clinica della Morte e a tutti quelli la cui giustizia vale meno di quella di un mignottaro ottantenne che il 20% degli italiani (non la maggioranza) continua a votare, probabilmente perché si comporterebbe allo stesso modo se avesse i miliardi che ha lui. Insomma in sintesi non so da che parte stiano i "rosiconi" a destra oppure a sinistra, e non me ne frega un cazzo. A me 'sta storia fa schifo e basta.

Aggiungo una notiziola gradevole. Alfano è stato contestato a Berlino. Grazie.
Posta un commento